Alla scoperta del mondo: consigli e idee per il tuo prossimo viaggio (1° parte)

Iniziare un nuovo anno per me è sinonimo di progettazione di un nuovo viaggio, anzi magari, più di uno! Non riesco a non immaginare, infatti, nulla di più piacevole che inanellare idee e propositi per vivere una nuova avventura, in qualche parte del mondo. Sono tante le destinazioni che potrebbero interessarmi e tanti i suggerimenti ad opera di riviste e siti che si prodigano, in questo periodo, alla ricerca di quelle definite “migliori”. Per questo vorrei provare a stilare la classifica di quelle che mi stanno più a cuore, seguendo le linee guida di esperti. GIAPPONE. Ispirata dalla dottrina buddhista, non posso ignorare questa terra. Tra il VII e il XI secolo d.C. la filosofia zen si è diffusa con immenso impatto in questi luoghi, attraverso templi sacri come quello di Fukuoka, cittadina situata sull’isola di Kyushu. Qui potrai soddisfare la “fame” di pace e calma interiore, con quella meno “spirituale” e più pratica, alimentata dagli yatay, le caratteristiche bancarelle di street food che si animano al calar del sole. Questa regione è molto particolare: si alternano tradizioni secolari a paesaggi aridi e ricchi di contrasti. Culturalmente parlando, invece, non può mancare una visita al Nakasaki Prefectural Art Museum, che racchiude la storia artistica giapponese del Novecento. Oltre alla classica visita a Tokyo, che vanta ogni anno oltre 5 milioni di turisti, vale la pena dirigersi verso la costa sud di Honshu, per visitare Shizuoka, dove verrai conquistato da una distesa di piantagioni di tè verde, vero tesoro di questo territorio. Kyoto, infine, con i suoi 1600 templi buddhisti e 400 santuari shintoisti, ti offrirà momenti di meditazione introvabili in altre parti del mondo. Misticismo, natura e cultura abitano qui, per un viaggio che in primavera, con i ciliegi in fiori, saprà donarti ricordi indimenticabili.

GIAMAICA. Il clima è decisamente tropicale, caldo-umido durante tutto l’anno con temperature che sfiorano i 30 gradi. La stagione più secca è da dicembre a maggio, mentre negli altri mesi è possibile un’abbondanza di piogge, spesso forti, con rischio anche di possibili uragani. Si parte alla ricerca dell’ecosostenibilità come valore aggiunto indispensabile per un viaggio dal sapore autentico e cristallino come le acque che la accarezzano. Ti accolgono quelle bianche abitazioni coloniali tanto famose, resort green, un silenzio inatteso e i sapori di un cucina creola che apprezzerai da subito. Il territorio al suo interno, si presenta con lo sfarzo di una natura incredibile, che si compone di piante e di fiori (orchidee su tutti) dai colori meravigliosi. Non manca una fauna insolita disseminata di pappagalli e farfalle che ti riempiranno gli occhi di incomparabile bellezza. Le spiagge sono tra le mete più ricercate, come la deliziosa James Bond Beach, chiamata cosi perché qui furono girate alcune scene del film “007-Licenza di Uccidere” (1962). Kingston, la capitale, resta una meta curiosa e caotica come i suoi quartieri e le sue strade, meglio quindi, rifugiarsi a sud di Port Antonio, nella spiaggia di Boston Beach, vero paradiso del mare.

ANTARTIDE. Non è sicuramente un viaggio qualsiasi e sceglierlo, vuol dire prima di tutto, documentarsi, conoscere e voler scoprire. Il 98% del suo territorio (14 milioni di kmq) è ricoperto dai ghiacci e il primo avvistamento di queste terre risale al 1820. E’ praticamente impossibile suddividere il clima attraverso le stagioni, tuttavia si può distinguere un periodo “estivo” (dicembre-gennaio) in cui si toccano temperature medie intorno ai -20 gradi, dagli altri mesi “invernali” in cui queste scendono anche fino a -50. Lo spettacolo degli iceberg, l’incontro con pinguini e uccelli marini, un paesaggio incredibile nella sua aspra fisionomia e l’attenzione per la natura in tutte le sue forme, sono i motivi principali che spingono ad organizzare spedizioni e crociere di ogni tipo, per avventurarsi in una delle aree più spettacolari del pianeta.